Spirit de Milan

Ha inaugurato giovedì scorso con una grande serata gremita di pubblico curioso lo Spirit de Milan, un nuovo locale ricavato da uno spazio ex industriale di enormi dimensioni in via Bovisasca, non lontano dalla sede Bovisa del Politecnico. E’ stata la fabbrica delle Cristallerie Livellara, di cui ancora si vede l’insegna all’entrata, e adesso è pronta a rivivere grazie a un gruppo di amici guidati da Luca, proprietario dei capannoni e desideroso di dar loro nuova vita, animandoli di eventi, ristorazione, arte, cultura e divertimento. Mimmo e altri soci, sulla scia dei ricordi di gioventù, della Milano anni Settanta del cabaret e del buon vino – la Milano “prima della rucola” come la definiscono – hanno deciso di lanciarsi nella sfida di aprire a tempo di record questo spazio così grande. Le porte della fabbrica si sono riaperte per fare un salto indietro nel tempo, in quella Milano da fotografie in bianco e nero. I curiosi, che attraversano il suggestivo tunnel di rampicanti illuminato da centinaia di lucine, giungono nel cortile interno dove tutto ha origine. Ad accoglierli, come nella canzone-manifesto di Giorgio Gaber “Barbera e Champagne”, è la tipica “michetta” milanese con il salame da godersi in compagnia non solo degli amici, ma anche di altri sconosciuti avventori, con cui si può condividere uno dei grandi tavoli che incorniciano la zona del ballo. Protagonista della serata sarà, però, il palcoscenico ricavato sotto la tettoia di uno dei capannoni. Sembra quasi un teatro shakespeariano, in cui lo spazio per bere e mangiare si confonde con quello in cui recitano gli attori, per un’esperienza piena e informale. Oltre al teatro, interpretato nella serata inaugurale dai bravissimi Valerio Bongiorno e Piero Lenardon, ci sarà tanto spazio per la musica, dal jazz allo swing, in un’atmosfera in parte nostalgica e un po’ retro, e in parte fortemente contemporanea. L’obiettivo è infatti quello di rievocare la città che fu, con le sue tradizioni che si stanno perdendo, ma con un occhio all’oggi, alle nuove generazioni e alle nuove tendenze artistiche e musicali, grazie alla collaborazione di Mauro Porro alla direzione artistica e della società di exhibition design ed eventi Klaxon srl. Durante l’estate prendono vita tantissimi eventi, si balla dall’ora dell’aperitivo fino all’alba, in quello che è un nuovo punto di riferimento della comunità swing di ballerini e musicisti e di tutti i curiosi e appassionati di questa affascinante atmosfera. A fine serata il cortile si trasforma in una vera e propria festa dove continuare a scatenarsi fino a notte fonda, per dimenticare di essere in città e vivere fuori dal tempo e dallo spazio come solo nelle Anime Nascoste si può fare.  I soci promettono di proseguire anche d’inverno, nei magnifici spazi interni dei capannoni, che sono già in ristrutturazione e potrebbero diventare davvero stupendi. Un cenno importante merita anche la cucina, dove i grandi tavoli consentono di socializzare con avventori prima sconosciuti, mentre si gustano le prelibatezze della cucina tradizionale milanese, come i “mundeghili”, le polpette con contorno di patate prezzemolate, o il tris di “frittatine” borragine e pinoli, cipolla rossa, porro e salsiccia, servite su letto di misticanza. E poi lo “sbrodoloso”, “el fundeghé”, il “porca vaca”, tutto genuino e meneghino a prezzi rigorosamente popolari che vanno dai 5 ai 10 euro. Non manca una ricca lista dei vini per guarnire al meglio una serata così tradizionale da essere innovativa, soprattutto per le nuove generazioni che forse hanno perso il piacere di un posto così. 

SPIRIT DE MILAN
Via Bovisasca, 59
spiritdemilan.it

Share Project :

More Work