Spazio Lambrate

Laura Gerosa mi accoglie nel suo magnifico spazio in viale delle Rimembranze di Lambrate, all’interno di un cortile che – come spesso accade a Milano – da fuori non promette niente e poi all’interno rivela luoghi bellissimi. Quello che appare evidente fin dal primo sguardo è la cura con cui Laura ha decorato e allestito gli spazi esterni, valorizzando un condominio altrimenti anonimo. Fiori, sculture, piante e colori nella scalinata che scende fino all’ingresso dello Spazio Lambrate, che “è stato creato per ispirare, emozionare e sfidare artisti e visitatori in un ambiente multidisciplinare, versatile, dinamico e aperto”. Obiettivo di Laura è “lavorare con artisti, gruppi e associazioni alla ricerca di un modello innovativo di spazio culturale e di formazione per il futuro”. Quasi cinquecento metri quadrati divisi in quattro grandi sale attrezzate per musica, teatro, prove e lezioni, su due piani che Laura sta cercando velocemente di insonorizzare per resistere al bieco attacco del condominio che, come da abitudine diffusa, osteggia e boicotta la coraggiosa attività culturale che prende vita quotidianamente nelle Anime Nascoste. È bello vedere il papà di Laura, Arnaldo, novantenne pieno di energia, che sprona la figlia a tenere duro, a non mollare nonostante le cattiverie continue che subisce per la sola colpa di far sentire bella musica ai vicini durante il giorno. Locandine strappate, telefonate ai vigili, il drappo di stoffa che incorniciava l’insegna sulla strada rubato e tanti altri piccoli dispetti di un vicinato miope e livoroso. Ma Laura resiste e rilancia, con il progetto di completa insonorizzazione degli spazi e la creazione di un vero e proprio teatro nella sala più grande, con palcoscenico rialzato, camerini e platea. In poco più di un anno di attività – l’inaugurazione è avvenuta in occasione del FuoriSalone del 2014 – hanno già preso vita fra queste mura ben otto opere liriche, dal Don Giovanni di Mozart alla Madama Butterfly di Puccini, grazie alla stretta collaborazione con l’Adads – Accademia dell’Arte e dello Spettacolo – che fa le prove qui con cantanti professionisti soprattutto coreani. Laura mi racconta la gioia di veder crescere l’opera a casa sua, dalle prime timide prove di cantopiano col tenore e la soprano, fino alle prove di ensemble in costume in quello che lei definisce con commozione come un regalo che le viene fatto a domicili. La forza del progetto sta nella collaborazione di tutta la famiglia alla gestione di questo immobile di proprietà che è stato lasciato libero da un fratello di Laura due anni fa, dopo diversi anni di attività come palestra. Laura ha deciso di portarlo avanti con l’aiuto costante di papà e di mamma Marisa, che ora sta cucendo le tende che aiuteranno ad attutire i suoni nelle sale che ancora non sono attrezzate. La squadra è affiatata e piena di entusiasmo, caratteristiche fondamentali per resistere alle spese e alle difficoltà, bilanciate dalle belle gratificazioni che stanno arrivando dai corsi sempre più affollati, dalle compagnie teatrali in residenza, dal pubblico che comincia a conoscere e amare questo spazio. Nei ritagli di tempo, Laura si dedica alla sua passione per la scultura, realizzando suggestive installazioni spirituali in legno, resina e altri materiali che raccontano il viaggio interiore dell’anima verso la sua parte più intima.

SPAZIO LAMBRATE
Viale delle Rimembranze di Lambrate, 16
Tel. 02 21711437
www.spaziolambrate.com

Share Project :

More Work