Planerbe

Un altro posto incredibile si nasconde a Milano dietro la maschera di un negozio come tanti altri: si tratta di Planerbe, ufficialmente l’erboristeria di Corso di Porta Romana, che sperimenta e propone alla sua affezionata clientela prodotti di alta qualità come il Magnesio Premium, con selezione rigida delle materie prime, addirittura dal Belgio proviene il magnesio carbonato unito a un acido citrico non geneticamente modificato, adatto al mondo vegano. Ma vero protagonista di Planerbe è il suo gestore, Lorenzo Busnari. Trombonista di professione, ha suonato per la Big Band, un’orchestra televisiva negli anni Ottanta, poi ha aperto un locale con musica Live, il Mingus Cafè a Vimodrone e un’etichetta discografica dedicata allo stesso Mingus, di cui è sempre stato un grande fan. Ha prodotto e lanciato molti giovani talenti milanesi che si sono affermati negli anni Novanta nel panorama nazionale anche grazie a quella prima fiducia avuta da Lorenzo, che di loro ancora si ricorda e li ospita appena possibile proprio da Planerbe, dove spesso prendono vita concerti live straordinari fra gli scaffali di prodotti naturali. Il colpo d’occhio entrando è il trionfo dell’Anima Nascosta: un pianoforte nero troneggia al centro del locale, circondato da quadri e fotografie di musicisti e artisti, in mezzo a quella che per il resto potrebbe essere una normale erboristeria. Mi incuriosisce molto scoprire come abbia fatto un musicista a finire col gestire un’erboristeria. La storia di Lorenzo è fatta di occasioni prese al volo, barriere abbattute fra settori all’apparenza lontanissimi, ma in realtà comunicanti. Da sempre – mi racconta – ha avuto un’impresa di servizi, aperta insieme con due amici di gioventù: un regista di teatro attivo a Milano ancora oggi e un sassofonista. Durante gli anni dell’università di giorno studiavano e di notte andavano a fare pulizie nelle aziende e nei negozi per arrotondare, spinti sempre da una grande passione e dalla voglia di sbarcare il lunario in maniera originale e divertendosi. Quell’impresa è stata la prima in Italia a introdurre a livello industriale l’utilizzo del panno in microfibra, ormai diventato un oggetto di uso comune anche nelle case. Da lì il passo è breve dall’apertura di un consorzio di erboristerie per lo sviluppo di prodotti più vicini all’ambiente e alla salute. Questo spirito innovativo e artistico anima ancora Lorenzo, vulcano in piena attività, che sta progettando un lungometraggio sul Pollino legato alla coltivazione della melanzana rossa, specialità che proviene dall’Eritrea, portata in Italia dai contadini che erano stati mandati in Africa durante il fascismo ed erano tornati in patria allo scoppio della guerra. Dalla melanzana rossa si estrae il principio attivo Solan Red con cui un’importante azienda realizza il Magnesio, ma Lorenzo ci ha visto anche lo spunto per un prodotto artistico e sociale. Tanti sono gli artisti che si esibiscono da Planerbe (nei primi anni dal 2007 con frequenza settimanale tutti i weekend, oggi un po’ meno): musicisti del calibro di Tiziana Ghiglioni, Marco Detto, Simone Severini, Simone Massaron, ma anche visual artists come Luca Macchiavelli, grafico e autore delle bellissime fotografie di attori e cantanti da lui lavorate e convertite in colori che ricordano la pop art di Andy Warhol. Lorenzo ha molti progetti di eventi che uniscono arte e medicina come il “veghenticinque aprile” in cui ha presentato un prodotto per vegani accompagnato da un concerto di Francesco Diodati e una degustazione di taralli del miglior panificio italiano e vini per vegani senza colla di pesce. Con la cultura si mangia, suggerisce Lorenzo con orgoglio. E si vende anche, pure meglio.

PLANERBE
Viale Monte Nero, 41
Tel. 02 23369351
Pagina Facebook: Erboristerie Altea

Share Project :

More Work