Lupin Store

Il primo negozio interamente dedicato a uno dei più celebri, amati e imitati personaggi dei fumetti giapponesi – che si chiamano “anime” – è nato in Italia, a Milano, dall’idea e dalla passione di un imprenditore meneghino. Lupin Terzo, il ladro gentiluomo uscito dalla penna di Monkey Punch nel 1967, ha attraversato i continenti e le generazioni, facendo innamorare di sé e delle sue irresistibili avventure milioni di persone. Adesso, mentre il cartone animato continua a fare ascolti da record in tv, è un brand inarrestabile, che appare su innumerevoli prodotti di consumo destinati a una clientela trasversale e non solo infantile. Anzi, sembra proprio che i più sorpresi ed entusiasti della novità – il Lupin Store ha inaugurato lo scorso 12 luglio – siano i quarantenni, nostalgici della loro gioventù e felici di poterla rivivere e raccontare ai loro figli attraverso uno dei suoi simboli più affascinanti. Nato come costola della fumetteria SuperGulp, aperta da vent’anni a pochi metri da qui, il Lupin Store si propone come novità assoluta, pronto al franchising con chiunque voglia condividere con i tre soci milanesi questa nuova missione del ladro gentiluomo in qualunque città d’Italia o, perché no, in altri punti di Milano. Il socio fondatore, Renato, è entusiasta della sua ultima scommessa, nata dall’incontro con alcuni manager di Mediaset, azienda detentrice dei diritti sul merchandising di Lupin per l’Italia. Chiacchierando, si sono accorti che moltissimi produttori di arredamento, abbigliamento e gadget di cartoleria, nonché pittori, designer e artisti visivi hanno chiesto, negli anni, l’autorizzazione a utilizzare il personaggio di Monkey Punch per i loro prodotti. Il Lupin Store non ha inventato niente, ma ha solo favorito l’incontro di articoli già esistenti, che finalmente si trovano tutti in vendita insieme, scoprendo, nello stupore di tutti, di essere tantissimi. Da adesso, mi dice Renato, sarà possibile pensare più in grande, creare nuovi articoli – come la collezione di modellini pensata in edizione limitata per l’inaugurazione e già in esaurimento – che coinvolgano i produttori già attivi e i nuovi appassionati. Il negozio è bellissimo, interamente affrescato dal giovane Davide Zanella, pittore specializzato in opere “pop nostalgiche” ispirate agli “anime” giapponesi. Sembrava una follia aprire un punto vendita così specifico adesso, eppure la gente sembra rispondere positivamente, facendo ben sperare soprattutto in vista di Expo. Renato ama la sua città e soprattutto il suo quartiere, la zona dei Navigli, e afferma di non potersi pensare altrove. Anche se le difficoltà sono enormi e la burocrazia ha già colpito il Lupin Store nel giorno della sua inaugurazione: un ritardo nella richiesta dei permessi ha impedito il buffet sulla strada, costringendo i numerosissimi ospiti a ripiegare sul cortile interno. Ma, si chiede Renato, perché un quartiere appena diventato zona pedonale ha bisogno di un mese di preavviso per organizzare un evento sulla strada? In pochi minuti mi elenca tantissimi sogni che vorrebbe realizzare, da una navetta che colleghi i navigli con il parcheggio di Porta Genova, a un bar che serva cocktails su Lupin, fino a un grande evento di cosplayers – il carnevale dei fumetti, in cui i giovani si travestono da personaggi e danno vita alle scene dei loro eroi – con sfilata in nave sul Naviglio… Andando via mi chiedo perché questi sogni che sembrano così realizzabili, debbano restare nel cassetto. Expo si avvicina, sarebbe bello che la creatività non trovasse più ostacoli burocratici.

LUPIN STORE
Ripa di Porta Ticinese, 45
Tel. 0236746465

Share Project :

More Work