Home made 54

“La musica e gli spettacoli di un piccolo teatro, la cucina e l’atmosfera di una casa accogliente”. E’ così che si presenta Home Made 54, un’associazione culturale creata apposta per aprire un appartamento privato a eventi culturali di alta qualità e intimità. A gestire questa attività sono due coniugi romani, Mario e Chiara, che vivono a Milano da otto anni e abitano in viale Abruzzi 54, in un bellissimo appartamento dalle grandi vetrate, nascosto dietro un’anonima palazzina del viale. La loro casa, infatti, troneggia al centro del cortile interno, e da fuori non si può nemmeno immaginarne l’esistenza. Mario è stato per anni direttore degli eventi di un’importante azienda italiana impegnata anche nell’Expo di Shangai. Una vita sempre di corsa, colma di impegni, telefonate, velocità, finché il cuore si è ribellato e un ictus lo ha costretto in ospedale per sei mesi, a riprendersi da una paralisi temporanea. La vita cambia, assume nuove prospettive, Mario capisce che le priorità devono essere altre e nasce l’idea di portare gli eventi culturali a casa, anche a causa di una ulteriore, forzata degenza tra le mura domestiche, per fare riabilitazione. A maggio 2013 lui e Chiara ospitano un concerto di Piano City, al termine del quale offrono una zuppa di ceci e vongole ai numerosi ospiti che partecipano alla serata. Sull’onda degli apprezzamenti decidono di sviluppare questa formula traendo spunto dal fenomeno delle hidden kitchen scoperte durante i loro viaggi all’estero. Le “cucine clandestine” sono un fenomeno alternativo al classico ristorante, sviluppatosi nei Paesi del Nord Europa nei primi anni Duemila attraverso i social network. Unendo questa formula collaudata all’idea del teatro in casa, Mario e Chiara danno vita con altri sei soci e amici all’associazione culturale Homemade54, una scatola magica che due volte al mese invita alla scoperta di qualcosa di nuovo, bello ed originale per il piacere di tutti i sensi. Da Novembre 2013 ad oggi sono stati ospitati 12 spettacoli per un totale di 24 serate con una media di 50 partecipanti, toccando in un anno la ragguardevole cifra di 1200 partecipanti. La prima ospite delle serate teatrali è stata l’attrice romana Lidia Vitale con un omaggio ad Anna Magnani, seguito da un immancabile piatto di bucatini all’amatriciana cucinati personalmente da Chiara e Mario come solo i veri romani sanno fare. Ad ogni artista viene riconosciuto un rimborso, grazie al biglietto d’ingresso che viene chiesto al pubblico che assiste a una delle due repliche – il venerdì e il sabato sera – previste per ogni spettacolo ospitato. Il bello di questi eventi è l’atmosfera intima, partecipata e informale che si respira. Mi dice Mario che la cosa che maggiormente apprezza è come gli ospiti si lasciano pian piano andare, da un inizio di serata generalmente formale a un dopospettacolo sempre molto sciolto, divertente e foriero di nuove amicizie, legami e chiacchiere piacevoli. Il 2015 comincia con tanti progetti in una stagione ricca di eventi già programmati fino a giugno, quasi come un teatro vero. Non mancano sogni nel cassetto e nuove iniziative da sperimentare: Mario vorrebbe organizzare mostre, esposizioni di oggetti di design, scambi di libri e presentazioni di autori emergenti. Il tutto senza mai dimenticare che siamo in una casa, dove vivono anche i tre splendidi figli di Mario e Chiara, che meritano spazio e attenzione in un equilibrio virtuoso tra arte e famiglia.

HOME MADE 54
Viale abruzzi 54

Share Project :

More Work