Fabbrica di Lampadine

Fabbrica di Lampadine nasce dal recupero e dalla valorizzazione di un sito industriale che risale a fine ‘800, vicino all’area fieristica di Milano. Ristrutturata, modernizzata, senza perdere la vecchia identità, oggi Fabbrica di Lampadine può contare su oltre 1.500 metri quadri di spazi, inaugurati con una grande festa nel luglio del 2015, grazie al sostegno di Pierpaolo Rodríguez di Italtriest Spa, proprietario dei muri, imprenditore illuminato che ha creduto nel progetto di riqualificazione artistica e culturale. L’idea nasce da Giampaolo Rossi, grande esperto di comunicazione e leadership. Partito da Torino alla volta di Milano a 28 anni, si è messo in proprio e in vent’anni esatti è riuscito a raggiungere il successo imprenditoriale. Adesso è un professionista stimato e conosciuto e vuole cominciare a restituire la fortuna che avuto nel suo lavoro, investendo in attività che possano aiutare giovani artisti e aziende a incontrarsi in maniera virtuosa in una ideale “casa aperta” dove non ci siano linee guida predefinite e fisse, ma opportunità di scambio e libera fermentazione di creatività. Il luogo si chiami Fabbrica di Lampadine, ma le uniche luci che produce sono le idee e i progetti. Anche se spesso la gente entra a chiedere se può acquistare lampadine! Giampaolo lavora da molto tempo con le metafore, e crede molto nel loro valore, perché “ la metafora riesce ad arrivare in profondità e colpisce senza ferire, il manager non si sente attaccato personalmente, ma capisce al meglio le dinamiche di gestione della leadership”. E così nascono laboratori per le aziende basati sul gioco (chissà perché viene un momento della vita in cui smettiamo di giocare!), sul teatro, sulle arti visive, sulla musica. L’idea di Fabbrica di Lampadine è di mettere in contatto arti e aziende attraverso progetti di varia natura, per un reciproco beneficio. Da un lato l’azienda può sviluppare le competenze manageriali, la creatività, l’innovazione, la comunicazione interna ed esterna e dall’altro gli artisti possono arricchire il proprio progetto di ricerca. Per questo Giampaolo ha voluto fortemente uno spazio fisico, nel quale il contatto con il mondo creativo, artistico, culturale, aziendale trovasse la propria dimensione. Ha costituito l’associazione “Viaggio su Marte” (anche titolo di un suo piccolo libro pieno di ironia e arguzia), per aprirsi anche al grande pubblico. Per questo è nato addirittura uno spazio scenico, Il Teatro di Vetro, con 150 posti, capace di ospitare una vera e propria rassegna teatrale. Oltre al Teatro di Vetro, Fabbrica di Lampadine contiene la Galleria delle Macchine e il Deposito del Vuoto, grandi spazi al piano terra, per ospitare mostre di arti visive, produzioni artistiche ed eventi. Al piano superiore, proprio in questi giorni, ha inaugurato la Residenza degli Artisti con 14 posti letto e l’attiguo Refettorio delle Idee, che ospiteranno per periodi limitati pittori, scultori, attori, registi, musicisti, ballerini e scrittori. A ottobre 2016 è prevista poi l’inaugurazione della Libera Accademia Delle Arti per patrimonializzare il contributo degli artisti che frequentano La Fabbrica e facilitare l’accesso al mondo dell’arte a chi ne sentirà la necessità.

FABBRICA DI LAMPADINE
Via Ludovico di Breme, 79
Tel. 02 36799171
www.fabbricadilampadine.com

 

Share Project :

More Work