Cosmopolitan Milano Bakery

Giannina Loi è una donna tosta, che dopo vent’anni di posto fisso in Comune decide di mollare tutto e ricominciare daccapo, nella nuova piazza in zona Melchiorre Gioia, di fronte agli uffici della Regione, con la convinzione che qui possa nascere una Milano inedita, innovativa e originale. Nel luglio 2012, insieme con un socio d’eccezione, l’ex assessore al bilancio Giacomo Beretta, convinto dopo parecchi tentativi. Per vent’anni si sono conosciuti negli uffici delle Giunte che hanno governato la città prima dell’arrivo di Pisapia, adesso hanno deciso di cambiare vita e mettersi in proprio. Giannina mi confessa che non è uno slancio di ottimismo sull’onda della rivoluzione arancione, ma una sorta di ultima spiaggia ai tempi della crisi. Un modo più filosofico di fare attività politica, forse. Il locale si chiama Cosmopolitan Milano Bakery, evoca – senza polemica o concorrenza – il celebre California Bakery, ma sottolinea una vocazione internazionale che nasce dalle radici lombarde e meneghine. La valorizzazione della cucina tradizionale milanese, con i suoi inarrivabili risotti e le sue tenerissime cotolette è la priorità di Giacomo, già proprietario di un’azienda di pasticceria ben avviata, e innamorato della nostra città, che mette avanti a tutto. Cucina a vista, dolci fatti in casa e piatti espressi a pranzo e a cena, quando si può addirittura mangiare lume di candela sotto l’orto verticale, il primo a Milano, in cui si coltivano peperoncini, melanzane, verze, rosmarino, prezzemolo, timo, origano e soprattutto la menta, ideale per far bella figura con un mojito d’eccezione in seconda serata. Alla Bakery si può passare tutta la serata, dall’aperitivo al cocktail notturno, spesso allietati da eventi vivaci, che danno spazio ai giovani talenti nostrani. Il giovedì sera è ormai una serata cult di musica dal vivo organizzata da Monica Onida, nipote del famoso paroliere, che in sua memoria tiene da anni un prestigioso premio per giovani cantautori. Quest’anno la selezione partirà proprio da qui, facendo di questo locale un osservatorio privilegiato anche per la nuova comicità, che ha modo di sperimentarsi in maniera informale e divertente il venerdì sera con il cabaret dal vivo. Il prossimo progetto per alimentare ulteriormente le occasioni di aggregazione sociale saranno le serate del martedì con il “Chitarra Karaoke” in partenza da maggio con la supervisione artistica del giovane Paolo Pilo. Non mancheranno spettacoli teatrali, reading di poesia, presentazioni di libri, il tutto all’insegna dell’intrattenimento intelligente e della buona cucina, che resta l’obiettivo principale dei due soci fondatori, orgogliosi delle loro scelte di alta qualità, come il riso proveniente dalla Cascina Battivacco, ultimo baluardo di produzione artigianale nella città di Milano. Il target del locale è giovane, si va dai venti ai quarant’anni, le fasce più sensibili alla crisi, ma anche all’innovazione e alla voglia di cambiamento. Giacomo e Giannina sono delusi dall’amministrazione pubblica, che non sta riuscendo ad aiutare i cittadini a risollevare la testa, ma hanno le idee molto chiare su quello che si dovrebbe – e si potrebbe – fare per migliorare, soprattutto in vista di Expo: favorire e patrocinare eventi in tutta la città e non sempre nelle stesse vie (come accade con il FuoriSalone), valorizzare le piazze con eventi all’aperto magari con artisti di strada, diminuire i costi di concessione degli spazi commerciali. Sono tre semplici provvedimenti che darebbero entusiasmo ai piccoli imprenditori e rivelerebbero una Milano migliore.

COSMOPOLITAN MILANO BAKERY
Via Gioia, 35
Tel. 02 6698 9321

Share Project :

More Work