Casa Boschi Di Stefano

Ci hanno da sempre abituato a considerare i musei come luoghi in cui si va una volta sola ad ammirare una collezione permanente. Ma la nostra concezione è destinata a cambiare dopo l’incontro con Valeria Palumbo. Appassionata giornalista e volontaria per Il Touring Club, organizza eventi culturali nei luoghi dimenticati o poco noti della città di Milano per insegnare ai cittadini ad essere veri viaggiatori dell’arte, non solo nello spazio, ma anche nel tempo. E infatti è un viaggio nel tempo quello che propone alla Casa Boschi di Stefano, per celebrare il decennale dell’apertura al pubblico di questo gioiello meneghino, ancora troppo trascurato dai milanesi (appena 12.000 visitatori l’anno). All’apparenza è una casa come tutte le altre, un comune edificio vicino a Corso Buenos Aires. Via Jan numero 15, per la precisione. Ma appena si entra questa Casa-museo intitolata ai suoi proprietari e gestita dal Touring Club, rivela un tesoro di quadri, arredi, sculture, strumenti musicali, ceramiche e gioielli di inestimabile valore. Sono visibili al pubblico circa trecento delle oltre duemila opere raccolte con passione dai coniugi Antonio Boschi e Marieda di Stefano, donate al Comune di Milano nel 1974. La collezione rappresenta una straordinaria testimonianza della storia dell’arte italiana del XX secolo dal primo decennio del Novecento alla fine degli anni Sessanta, dal Futurismo alla Neoavanguardia, con una sala dedicata a Fontana e Manzoni. Non mancano di stupire gli arredi, fra cui spicca la sala da pranzo ideata da Mario Sironi nel 1936. A Sironi è anche dedicata un’intera parete di tele emblematiche per raccontare uno spaccato dell’Italia fascista di struggente impatto emotivo. Sembra di trovarsi ancora in un appartamento abitato quando si passeggia per le stanze della Casa, che continuano a vivere anche grazie ai numerosi eventi che periodicamente le animano.

CASA BOSCHI DI STEFANO
Via Jan, 15
Tel. 840.88.88.02
www.fondazioneboschidistefano.it

Share Project :

More Work